Libri ed editoria

La lista infinita. Episodio due

Torna la rubrica che spinge sempre a scoprire (e comprare) nuovi libri.

Questo nuovo episodio della Lista Infinita comincia con una buona notizia: per la prima volta nella mia vita ho letto subito gli acquisti fatti durante una fiera del libro.

Ho infatti già letto sia L’ultimo degli Eltyšev di Roman Šencin (trovate qui la recensione L’ultimo-degli-eltysev) sia La ferrovia sotterranea di Colson Whitehead, da me citato nel primo episodio della Lista. Li avevo acquistati entrambi al Pisa Book Festival.

Tutto ciò, se da un lato testimonia un lodevole impulso alla coerenza da parte mia (ma del resto chi si loda si imbroda), scalfisce in maniera molto parziale, se non irrisoria, la lista dei libri che si sono accumulati in attesa che li leggessi.

Ha per ora bloccato la mia sete di libri nuovi, soddisfacendo i miei desideri più immediati.

Ma, come diceva Majakovskij:

All’idea dei miei sfrenati desideri,

Non basterebbe l’oro di tutte le Californie.

Andiamo a incominciare, ordunque.

Bernard Malamud, Il commesso, Minimum Fax.

Si tratta della mia lettura attuale, affrontata mesi dopo il suo acquisto in ebook.

Il modesto Morris Bober resiste da decenni nel suo negozietto di alimentari sempre più assediato dalla concorrenza. Del resto, cosa potrebbe aspettarsi dalla vita uno che porta un cognome che in yiddish vuol dire “persona da poco”? In maniera del tutto imprevista, però, in suo aiuto giungerà il ladruncolo italiano Frank Alpine, deciso a imparare un mestiere e a cambiare vita. Ma forse nella scelta di Frank c’entra anche Helen, la figlia di Morris.

Confesso che ci ha messo un po’ a prendermi: ma nonostante l’incomprensione iniziale, ho iniziato ad affezionarmi.

Dave Eggers, The Circle, Mondadori.

Questo libro mi preoccupa. Ho tentennato a lungo prima di prenderlo, anche perché le recensioni che ho visto in giro erano tutt’altro che lusinghiere. Alla fine ho deciso di dargli una chance, complice il fatto che era in offerta. Spero di non pentirmene: ma alla fine tanto astio ha avuto l’effetto di incuriosirmi e voglio farmi una mia idea.

Mae ottiene il lavoro dei sogni, superando un colloquio per entrare a lavorare a The Circle, prestigiosa start-up che offre appetitosi benefit ai suoi impiegati. Ma il prezzo da pagare è la rinuncia totale alla privacy.

The Circle è un’utopia o un incubo?

Incrociate le dita per me.

Ernest Tidyman,Shaft tra gli ebrei, Big Sur.

È in wish-list da tempo immemorabile, praticamente da quando è uscito. Non me lo sono ancora concesso, ma potrebbe essere questione di poco.

Il detective John Shaft ha ventotto anni, regolare licenza e la pelle nera. Sa come muoversi nel sottobosco cittadino di New York, ma quando accetta un ricco ingaggio da parte di un gruppo di gioiellieri ebrei ortodossi le cose si complicano. Perché l’ambiente ebraico difficilmente svela i propri segreti, e Shaft si troverà presto in un mucchio di guai.

Posso considerarlo un autoregalo di Natale?

William Finnegan, I giorni selvaggi. Una vita sulle onde, 66th and 2nd.

Lo scruto, lo annusa, mi lascio incantare da parecchio. Se non l’ho ancora preso è perché vorrei leggerlo d’estate , come mi sembra meriti, ma nelle ultime estati il tempo per leggere si è dovuto limitare ai libri di “lavoro”

William Finnegan ha subito l’incanto del mare fin da bambino, in California, vedendo i surfisti “danzare sull’acqua”. A tredici anni andrà a vivere ai piedi del cratere di Diamond Head, alle Hawaii. E quell’incanto si trasformerà a poco a poco in una devozione assoluta al dio oceano. A venticinque anni, il suo sogno è di rigenerarsi agli Antipodi e vedere il mondo prima che si trasformi tutto in Los Angeles. Inizia così “la ricerca”, il viaggio dell’inverno senza fine, la circumnavigazione del globo a caccia di onde.

Sono sicura che prima o poi arriverà il suo momento.


Tovarishi, anche per oggi siamo giunti alla fine. Ci vediamo tra due settimane,nel frattempo,buone letture.

E cercate di finire qualche libro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...