Russia

Sopravvivere ai nomi di un romanzo russo

Rassegnatevi: Ivan Popov, Ivan Alekrandrovič, Vanja, Ivan e Aleksandrovič sono la stessa persona

Diomari MadularaMaco, Davao, Philippines

Vi ricorderete una deliziosa vignetta dei Peanuts dove Linus, intento a leggere “I fratelli Karamazov”, risolve a modo suo l’annoso problema dei contorni nomi russi:

Non ti disturbano tutti quei nomi russi?

No, quando ne trovo uno che non so pronunciare, mi limito a guardarlo.

Tremenda può essere la confusione generata dalla ridda di nomi che si intrecciano sulle pagine di un romanzo russo, in particolar modo se parliamo dei classici.

Vi è già capitato di perdervi tra le pagine di un romanzo e di trovarvi al punto di non sapere più di chi si stia parlando?

Ho pensato di creare una piccola guida ed elencare qualche trucchetto: dovrebbe essere sufficiente ad evitarvi ulteriori sofferenze.

Non abbiate paura, i nomi russi non sono cattivi, è solo che li disegnano così.

Ivan Popov: Fin qui tutto regolare. Un semplice, lineare nome e cognome.

Ivan Aleksandrovič: Ma ecco che comincia il divertimento. Si tratta di nome più patronimico. Naturalmente non è tollerabile tradurlo, ma letteralmente suona come “Ivan figlio di Alessandro”. Sentite che bel suono dalla falsa riga fantasy? La variante del nome più patronimico è la più formale, e si usa quando ci si dà del voi. Questo accade tra persone che si sono conosciute da poco tempo, o quando nel loro rapporto c’è un dislivello gerarchico o di età.

Aleksandrovič: Dato che i russi hanno una passione smodata per le infinite sfumature, esiste anche questa forma, dove si chiama qualcuno solo per patronimico. Siamo ancora nel campo del rapporto formale in cui ci si dà vicendevolmente del voi, ma in cui nel corso degli anni si sono sviluppati confidenza e affetto.

Ivan: In quel modo paradossale tipicamente russo, il semplice nome di battesimo è la variante meno utilizzata, situandosi in una sorta di area grigia dove abbiamo cominciato a darci del tu ma non siamo ancora abbastanza in confidenza per sbizzarrirci con diminutivi e vezzeggiativi di varia foggia.

Vanja: Si tratta di uno soltanto dei molteplici diminutivi che può prendere il nome Ivan, per quanto questo sia il più comune. Viene usato solamente in ambiente familiari o di amici molto stretti con cui c’è una grande confidenza. Il signore Ivan Popov che abbiamo conosciuto all’inizio verrà chiamato così dalla madre, dalla sorella o dal suo migliore amico.

Il gioco dei diminutivi può farsi difficile per il fatto che sia maschili che femminili finiscono in -a o -ja; per ovvie ragioni nella vita quotidiana saprete se state parlando di un uomo o di una donna,ma se siete ancora nuovi alle meravigliose acque della letteratura russa questo può darvi qualche problema.

Fino a quando non ci avrete preso la mano, potete navigare nei fondali perigliosi dei nomi russi segnandovi le varianti man mano che procedete nella lettura.

Ma sono certa che imparerete presto ad avanzare a vele spiegate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...